CHIUDI

Il Burundi è un piccolo stato africano della Regione dei Grandi Laghi, famosa per i suoi rilievi, le savane e la fauna selvatica.
Il Burundi, al centro della Regione, viene anche chiamato “Cuore d’Africa” al tempo stesso per la sua forma e per la posizione centrale.
Viene anche chiamato il paese dell’Eterna Primavera: il clima equatoriale é mitigato dall’altitudine e non conosce grandi variazioni durante l’anno. Esistono 2 sole stagioni: la stagione secca, da giugno a settembre, e la stagione delle piogge, da ottobre a dicembre e da febbraio a maggio; in gennaio si osserva la “piccola stagione secca” dove momenti di pioggia sono intervallati da splendide giornate di sole.
Geograficamente al di fuori delle mete classiche, il Burundi resta un paese da scoprire sia per la sua natura incontaminata ma soprattutto per la ricchezza culturale e storica.
Uno degli ultimi paesi africani ad essere colonizzato, il Burundi conserva ancora intatta la tradizione dei “Tambourinaires Royales” che suonano i tamburi sacri o la danze tradizionali tipiche di ogni regione del paese; entrambe lasceranno ricordi indelebili scolpiti nella memoria.
Il Burundi rigurgita di foreste naturali e di parchi dove la natura è preservata e gli animali vivono allo stato brado. Peculiarità dei parchi burundesi, l’osservazione degli animali può essere fatta a piedi: al parco della Ruvubu, per esempio, si può costeggiare il fiume Ruvubu e incontrare banchi di bufali e antilopi che pascolano nelle colline erbose oppure placidi ippopotami che si bagnano nelle acque del fiume.
La capitale, Bujumbura, sulle sponde del lago Tanganyika integra perfettamente modernità e tradizione.